Come effettuare l’aggiornamento di plugin e temi in Joomla! e WordPress

aggiornamento-wordpress-1

Dopo aver parlato di come aggiornare le versioni di Joomla! e WordPress vediamo come aggiornare i componenti di terze parti.

Perché tenere tutto aggiornato controllando periodicamente la presenza di aggiornamenti?
Per due motivi essenziali. Il primo è relativo alla disponibilità di nuove funzioni e di miglioramenti, quindi legato all’aspetto funzionale; il secondo, più importante, è legato alla sicurezza.
Di fatto la maggior parte degli attacchi ai siti Web che girano sui CMS Joomla! e WordPress viene condotto sfruttando falle, bachi e, nei casi peggiori, backdoor nei componenti aggiuntivi.
Chiaramente la regola d’oro è di affidarsi solo ed esclusivamente a componenti di comprovata qualità, con un buon supporto dedicato e una comunità viva, prodotti da compagnie di indubbia fama. Così come giustamente il buon senso ci fa intuire le possibili truffe e raggiri nella vita quotidiana, anche quando si scelgono plugin e temi bisogna affidarsi al buon senso e fare scelte ragionate. Cercate sempre dei feedback sul prodotto prima di acquistarlo e verificate la disponibilità del produttore in caso di problema.

Il processo di aggiornamento è sostanzialmente lo stesso in Joomla! e in WordPress, ed è di facile e veloce esecuzione.
Prima di fare ogni operazione critica, come ad esempio apportare delle modifiche al tema, fare l’aggiornamento della release del CMS o, per l’appunto, di componenti aggiuntivi, è buona regola fare un backup del sito intero, sia filecartelle e contenuti (ad esempio tramite FTP come spiegato in questo articolo) che database MySQL (con phpMyAdmin, come spiegato qui, o tramite il pannello di controllo Hosting di CoreTech come spiegato invece qui).
Dopo aver fatto il backup verificate che sia valido, ossia navigate fra le cartelle, aprite i file e controllate che contengano ciò che devono contenere, aprite i database (che sono in formato .sql) con un editor di testo (Blocco Note o, meglio, Notepad++) e assicuratevi che contengano tabelle e attributi. Un backup corrotto o non disponibile non solo è perfettamente inutile, ma è anzi dannoso perché può portare a cancellare i file originali trovandosi poi senza né contenuto originale, né backup.

In WordPress andate in Bacheca>Aggiornamenti per verificare la presenza di aggiornamenti; in ogni caso dovreste ricevere un avviso come il seguente ogni volta che un aggiornamento è disponibile:

Aggiornamento WordPress - Avviso

Scegliete i componenti da aggiornare e l’opzione di aggiornamento.

aggiornamento-wordpress-plugin1

Al termine delle operazioni riceverete un messaggio di conferma.

aggiornamento-wordpress-plugin2

 

Potete, per vostra comodità, impostare gli aggiornamenti come automatici; per farlo, editate il file wp-config.php (si trova nella cartella root del sito e contiene le impostazioni generali) aggiungendo le seguenti stringhe per abilitare gli aggiornamenti automatici di, rispettivamente, temi e plugin:

add_filter('auto_update_theme', '__return_true');
add_filter('auto_update_plugin', '__return_true');

In Joomla! ogni volta che un aggiornamento è disponibile compare un avviso nella home page della dashboard di questo tipo:

aggiornamento-joomla-estensione1

In alternativa potete andare Estensioni>Gestione>Aggiorna.
Selezionate i componenti da aggiornare e cliccate Aggiorna. Al termine delle operazioni riceverete un messaggio di conferma.

aggiornamento-joomla-estensione2

 aggiornamento-joomla-estensione2